Teresa Radice/Stefano Turconi – Non stancarti di andare (Tra le vignette)

(Scott McCloud, nel suo Understanding Comics, afferma che il fumetto è l’arte invisibile, che la sua magia non è in ciò che si vede, ma in quello che succede tra le vignette, grazie alla closure. Seguendo la sua teoria, in questa rubrica proverò a immaginare cosa fanno i personaggi dei fumetti quando non li vediamo sulla pagina, tra una vignetta e l’altra.)

Non stancarti di andare è una storia d’amore e di viaggi. Ismail e Iris sono una coppia di nazionalità diverse, lei italiana con origini argentine, lui siriano. Stanno per andare a vivere insieme in Italia, ma quando Ismail torna a Damasco per sistemare le ultime faccende, scoppia la guerra, e rischia di non tornare più in Italia. Inizia così la sua odissea per rivedere la sua amata, la quale nel frattempo ha scoperto di essere incinta.

Nelle pagine seguenti: Ismail, insieme al gruppo di migranti con cui viaggiava,  è stato catturato dall’Isis, ma nel buio della notte uno dei militari lo libera: è Hamzah, suo fratello.

Due fratelli si incontrano nel deserto. Entrambi stanno scappando.
Il primo scappa dal posto in cui è nato, ma in cui non può più vivere. Viaggia per raggiungere la donna che ama, in un’altra nazione.

Il secondo non è fuggito dal suo Paese, è fuggito dalla civiltà. Vuole raggiungere un ideale di violenza e fanatismo che ha conquistato molti, in quel Paese e in altri.

Tra le urla e gli spari, il loro incontro fa un rumore diverso: è il quotidiano che in mezzo alla guerra torna novità, un lampo terribile e silenzioso.

Hamzah e Ismail si guardano, si riconoscono e in un istante tornano loro in mente i momenti passati insieme: i giochi, le risate, ma anche i dolori e le difficoltà, tutto quello che hanno affrontato restando sempre uniti.
Il più grande vorrebbe abbracciare il più piccolo, convincerlo a scappare insieme. Ma non c’è tempo per le smancerie.

Pensa allora ad un poeta di cui ha sentito parlare in quel Paese in cui vorrebbe tornare, alla guerra che aveva vissuto, così diversa eppure così simile a quella che sta vivendo lui adesso.

Pensa:
“Di che reggimento siete
fratelli?

Parola tremante
nella notte

Foglia appena nata

Nell’aria spasimante
involontaria rivolta
dell’uomo presente alla sua fragilità

Fratelli”

Pensa e fa per aprire bocca, ma non riesce a dire nulla, perché l’altro lo spinge lontano, lontano da lui e dal suo gruppo.
Ma per quanto lontano possa spingerlo, pensa, non potrà mai cancellare il loro legame: saranno sempre fratelli.

Autori: Teresa Radice/ Stefano Turconi
Casa editrice: Bao publishing
Anno: 2017
Prezzo: 27