Flavia Biondi – La Giusta Mezura (Tra le vignette)

(Scott McCloud, nel suo Understanding Comics, afferma che il fumetto è l’arte invisibile, che la sua magia non è in ciò che si vede, ma in quello che succede tra le vignette, grazie alla closure. Seguendo la sua teoria, in questa rubrica proverò a immaginare cosa fanno i personaggi dei fumetti quando non li vediamo sulla pagina, tra una vignetta e l’altra.)

La Giusta Mezura è il racconto della vita di una giovane coppia dopo otto anni di relazione. Mia e Manuel si ritrovano ad un passo dai trent’anni senza aver costruito niente: fanno lavori saltuari in attesa di trovare la loro strada, come spera Mia, o di riuscire a vivere delle proprie passioni, come la scrittura per Manuel; nel frattempo condividono una camera in un appartamento di (ex-)studenti a Bologna. La loro vita amorosa ristagna allo stesso modo, perché non sanno accordarsi sulla strada da intraprendere insieme e devono imparare ad affrontare le difficoltà della quotidianità.

La pagina seguente ci mostra la conclusione di un litigio che i due fidanzati hanno avuto perché Mia si è licenziata dal negozio dove lavorava come commessa , nonostante Manuel disapprovasse la sua scelta perché i soldi servivano a entrambi per andare a vivere da soli.
Decimo è invece il cavaliere protagonista del romanzo che Manuel sta scrivendo.

 

“Decimo si pentì presto di aver iniziato l’apprendistato dal vecchio fabbro. Cosa ci faceva lui in una fucina? Le sue mani erano fatte per brandire armi, non per forgiarle!
La carestia però tormentava il mondo e lui non poteva aspettare un’altra crociata per combattere di nuovo…”

– Ma cosa ho scritto?! Ho di nuovo mescolato la mia storia con la realtà: Mia che si è licenziata e io che voglio farle la predica… Ma se non mi ascolta quando parlo, di certo non cambierà idea leggendo il mio romanzo. Meglio lasciar perdere, devo concentrarmi su Decimo, a Mia penserò domani.

“Le mani di Decimo, fante temprato da infinite battaglie, erano dure come pietre. Le avevano assodate prima l’aratro, poi il bastone e infine la spada…”