Il buio colpisce ancora: nuove recensioni per nuovi blockbuster

In principio era Yotobi, diventato famoso su internet per le video-recensioni di film trash, milioni di visualizzazioni per ridere insieme su cose palesemente orribili, girate con due spiccioli. Poi arrivò Leo Ortolani (sì, quello di Rat-Man), con il suo blog Come non detto e i fumetti targati CineMah. Solo che stavolta i film recensiti in teoria non sono delle porcate, anzi, hanno milioni di dollari di budget, attori di grandi livello e registi che sanno il fatto loro. E qual è il risultato? Che nella maggior parte dei casi sono pessimi prodotti lo stesso, pur con tutte le buone (?) intenzioni della produzione (Episodio VIII, anyone?). Per fortuna che, come si diceva già per il precedente Il buio in sala (Bao Publishing, 2016), ci si può sempre consolare con le recensioni di Ortolani, raccolte di nuovo da Bao ne Il buio colpisce ancora (2019).
Continua su Tropismi

Ar-Men: la vita quotidiana ne “L’inferno degli inferni”

Bretagna, la punta occidentale della Francia, una regione protesa verso l’oceano. Una terra ricca di storie e tradizioni, di piccole isole abituate ai pericoli del mare: forti maree, tempeste e soprattutto un insidioso tratto pieno di scogli a fior d’acqua, la chaussée de Sein, dove nel tempo sono naufragate decine di navi.
Per evitare futuri disastri furono costruiti nel corso dell’800 una serie di fari, a partire dalla terraferma e nelle isole vicine. Ma non bastò. Dopo l’ennesimo naufragio nel 1859, il governo di Parigi decise che serviva un faro in mare aperto, per segnalare la massima estensione della secca. Nacque così il faro di Ar-men, la cui storia è raccontata nel fumetto Ar-Men. L’inferno degli Inferni (Tunuè, 2019) da Emmanuel Lepage.

Continua su Tropismi 

Bastien Vivès- Una sorella (Tra le vignette)

(Scott McCloud, nel suo Understanding Comics, afferma che il fumetto è l’arte invisibile, che la sua magia non è in ciò che si vede, ma in quello che succede tra le vignette, grazie alla closure. Seguendo la sua teoria, in questa rubrica proverò a immaginare cosa fanno i personaggi dei fumetti quando non li vediamo sulla pagina, tra una vignetta e l’altra.)

Una sorella si svolge durante l’estate in una località balneare della Francia, dove una famiglia parigina è in vacanza: madre, padre e i due figli Antoine, di tredici anni, e Titi, di dieci. Una situazione di tranquillità rotta dall’arrivo di ospiti imprevisti. A “rifugiarsi” nella casa al mare arriva infatti Sylvie, amica di famiglia che ha da poco avuto un aborto spontaneo, insieme alla figlia Helene, una ragazza di sedici anni. Nonostante le premesse non ottime, tra Antoine ed Helene nascerà un intenso rapporto tra amicizia, affetto e scoperta del sesso.

Nella pagina seguente: la prima “apparizione” di Helene durante il giorno, dopo l’arrivo in casa la notte prima.

(Dialogo sul gruppo whatsapp di Helene con le sue amiche Julie e Christine)

  • Buongiorno…
  • Buongiorno <3
  • Giornoooo
  • @Helene, come va? Mia mamma mi ha detto…
  • Mah, boh, non so che dire, è tutto un casino… Poi siamo venuti a casa di questi, amici di mia madre, ma io me li ricordo a malapena, li ho visti dieci anni fa… So già che andrà tutto male, almeno voi non mi abbandonate per favore…
  • Ma certo tesoro! Non ti lasciamo mica da sola!
  • Certo che ci siamo, quando hai bisogno scrivi. Finché non mi finisce la batteria io ci sono, ahah.
  • Grazie ragazze… Anche perché qui non so con chi parlare. Mia madre ha i suoi amici, e poi è troppo in crisi, non le posso dire nulla.
  • Ma questi amici di tua madre non hanno dei figli?
  • Sì, 2 maschi.
  • Beh, dai, non è il massimo, ma qualcosa ti diranno.
  • Sì, ma sono piccoli: uno ha 10 anni, è anche carino, ma è proprio un bambino. L’altro invece ne ha 13.
  • E quello di 13 com’è?
  • È carino?
  • Beh, proprio brutto non è, però insomma, cioè in confronto a me sembra anche lui un bambino.
  • Vabbè certo, ma lo sanno tutti che noi ragazze siamo più avanti.
  • Però dai, comunque 13 anni meglio di 10, qualcosa ci si può fare…
  • @Julie ma che dici? Sei la solita porca tu.
  • Scherzavo! Ora non ti si può dire nulla eh…

Autore: Bastien Vivès
Titolo: Una sorella
Editore: Bao Publishing
Anno: 2018
Prezzo: 19 €

Flavia Biondi – La Giusta Mezura (Tra le vignette)

(Scott McCloud, nel suo Understanding Comics, afferma che il fumetto è l’arte invisibile, che la sua magia non è in ciò che si vede, ma in quello che succede tra le vignette, grazie alla closure. Seguendo la sua teoria, in questa rubrica proverò a immaginare cosa fanno i personaggi dei fumetti quando non li vediamo sulla pagina, tra una vignetta e l’altra.)

La Giusta Mezura è il racconto della vita di una giovane coppia dopo otto anni di relazione. Mia e Manuel si ritrovano ad un passo dai trent’anni senza aver costruito niente: fanno lavori saltuari in attesa di trovare la loro strada, come spera Mia, o di riuscire a vivere delle proprie passioni, come la scrittura per Manuel; nel frattempo condividono una camera in un appartamento di (ex-)studenti a Bologna. La loro vita amorosa ristagna allo stesso modo, perché non sanno accordarsi sulla strada da intraprendere insieme e devono imparare ad affrontare le difficoltà della quotidianità.

La pagina seguente ci mostra la conclusione di un litigio che i due fidanzati hanno avuto perché Mia si è licenziata dal negozio dove lavorava come commessa , nonostante Manuel disapprovasse la sua scelta perché i soldi servivano a entrambi per andare a vivere da soli.
Decimo è invece il cavaliere protagonista del romanzo che Manuel sta scrivendo.

 

“Decimo si pentì presto di aver iniziato l’apprendistato dal vecchio fabbro. Cosa ci faceva lui in una fucina? Le sue mani erano fatte per brandire armi, non per forgiarle!
La carestia però tormentava il mondo e lui non poteva aspettare un’altra crociata per combattere di nuovo…”

– Ma cosa ho scritto?! Ho di nuovo mescolato la mia storia con la realtà: Mia che si è licenziata e io che voglio farle la predica… Ma se non mi ascolta quando parlo, di certo non cambierà idea leggendo il mio romanzo. Meglio lasciar perdere, devo concentrarmi su Decimo, a Mia penserò domani.

“Le mani di Decimo, fante temprato da infinite battaglie, erano dure come pietre. Le avevano assodate prima l’aratro, poi il bastone e infine la spada…”

Alison Bechdel – Fun Home (Tra le vignette)

(Scott McCloud, nel suo Understanding Comics, afferma che il fumetto è l’arte invisibile, che la sua magia non è in ciò che si vede, ma in quello che succede tra le vignette, grazie alla closure. Seguendo la sua teoria, in questa rubrica proverò a immaginare cosa fanno i personaggi dei fumetti quando non li vediamo sulla pagina, tra una vignetta e l’altra.)

Fun home è l’autobiografia di Alison Bechdel, un’indagine intorno alle stranezze della sua famiglia, al motivo della strana morte di suo padre, alla presa di coscienza della propria sessualità. Se il padre di Alison si suicida perché incapace di dichiarare la propria omosessualità, l’autrice-protagonista ricorda ciò che l’ha portata a scoprire di essere lesbica, mettendo a confronto le loro due situazioni e riflettendo sui rapporti tra genitori e figli.

Nella pagina seguente: il primo rapporto omosessuale di Alison,

(Pensieri nella testa di Alison)

E se poi non mi piacesse? In fondo come faccio a sapere di essere lesbica, non avevo neanche mai baciato una ragazza prima d’ora. Magari è tutta una mia fantasia venuta su a forza di leggere libri.

E se invece mi piacesse, ma non fossi capace di leccarla bene? Alla fine non ho alcuna esperienza in materia, magari non le piace, anzi, magari lo faccio così male che le fa schifo e mi chiede di smettere. Sarebbe un esordio veramente deludente nella mia futura carriera di lesbica.

E se tutto andasse bene, ma per lei io fossi solo un divertimento da una notte e via?  Certo, potrei anche essere brava, ma magari è venuta a letto con me solo per il mio aspetto e in realtà non mi sopporta.

E se…

Oh, al diavolo, devo provarci, non voglio finire come mio padre!

 

Autrice: Alison Bechdel
Titolo: Fun Home
Editore: Rizzoli Lizard
Anno: 2007
Prezzo: 18 €

Krassinsky- Il crepuscolo degli Idioti (Tra le vignette)

(Scott McCloud, nel suo Understanding Comics, afferma che il fumetto è l’arte invisibile, che la sua magia non è in ciò che si vede, ma in quello che succede tra le vignette, grazie alla closure. Seguendo la sua teoria, in questa rubrica proverò a immaginare cosa fanno i personaggi dei fumetti quando non li vediamo sulla pagina, tra una vignetta e l’altra)

Il crepuscolo degli idioti è la storia di una scimmia cosmonauta, il macaco Rhesus, che precipita durante il suo volo in mezzo ad un gruppo di scimmie di montagna, le quali rimangono stupite da questo prodigio e vengono facilmente soggiogate da lui tramite l’invenzione di una divinità, Diou, di cui la nuova scimmia si autoproclama profeta. Tra lotte per il potere e crisi di fede, la nuova religione sconvolgerà totalmente la comunità.

Nelle pagine seguenti:  Rhesus esalta i doni di Diou, ossia i dolcetti che gli davano gli scienziati del programma spaziale, adattati nella narrazione a cibi divini.

Cape Canaveral, Florida. Anni ’50.

Due uomini in camice bianco stanno armeggiando con delle attrezzature. Vicino a loro, una culla. Nella culla, una scimmia. Dopo aver premuto l’ultimo interruttore, uno dei due si rivolge all’altro:
– Sai Frank, a volte invidio questa scimmia.
– Perché?
– Pensa a quello che sta per fare: il suo sarà il viaggio più grande mai tentato, andrà nello spazio! E chissà, magari incontrerà Dio.
– Incontrare Dio? Ma cosa dici Phil? Siamo in laboratorio o a sentire il sermone della domenica? Se questo progetto funziona faremo la storia dell’umanità; Dio, ammesso che esista, non c’entra nulla.
– Certo, però devi ammettere che l’ipotesi è suggestiva. Pensa, incontrandolo potrebbe scoprire se davvero ci ha creati a sua immagine e somiglianza.
– Ahah, però se gli mandiamo una scimmia penserà di essersi un po’ sbagliato nel disegno, no? Dammi retta, lascia stare le fantasie e rimettiamoci al lavoro.

La scimmia intanto aveva spalancato gli occhi al sentir nominare questo “Dio”, come se avesse capito qualcosa e volesse saperne di più.
– Il nostro amico qui si è agitato, eh? Dagli un po’ di gelato che è meglio, non vorrei facesse storie durante i test.

Autore: Krassinsky
Titolo: Il crepuscolo degli idioti
Editore: Panini Comics
Prezzo: 24 €