Zerocalcare – Scheletri. Fa più paura il passato o il presente?

Nel 2021 saranno dieci anni dalla prima pubblicazione de La profezia dell’armadillo, fumetto con cui Zerocalcare si è affermato nel panorama culturale italiano, vendendo centinaia di migliaia di copie e passando da una produzione in ambito underground a essere una figura di rilievo nel dibattito culturale odierno. Al giorno d’oggi conta dieci libri pubblicati, tra storie lunghe e raccolte di testi apparsi in altre sedi, un film, tratto appunto da La profezia dell’armadillo, e un saggio monografico dedicato, Leggere Zerocalcare, edito da ComicOut. E questa produzione è in costante aumento, viste anche le uscite di quest’anno: Scheletri, pubblicato ad ottobre, e A babbo morto, una storia breve che sarà disponibile dal 12 novembre.

Scheletri è una storia lunga, quasi 300 pagine, basato in gran parte su vicende autobiografiche dell’autore risalenti ai tempi della sua adolescenza, circa vent’anni fa. Nel 2002 infatti uno Zerocalcare allora diciottenne frequenta l’università Roma Tre, facoltà di lingue. “Frequenta” per modo di dire, perché non segue davvero le lezioni, ma esce di casa solo per ingannare sua madre, mentre in realtà trascorre le sue giornate in metropolitana. Se questa storia vi ricorda L’avversario, il libro di Carrére dedicato a Jean Claude Romand, non siete soli, lo stesso Calcare lo cita nel fumetto.
In una di queste mattine spese nel niente, il nostro protagonista incontra Arloc, pseudonimo di un misterioso ragazzo sedicenne, che come lui trascorre le mattinate in metro, saltando la scuola.

Continua su Tropismi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.